Male, male

di e con Daniele Gattano

Produzione / Savà srl

11 Novembre h. 21.00

Biglietti in vendita dal 15 settembre

Bollini Manini Kids-stand up-02.png

Daniele Gattano nasce e scappa da Verbania, bellissima ma non ci vivrà. Debutta come comico a “Colorado” (Italia1), approda poi su Real Time per i “Diversity Media Awards”, farà poi parte del cast di “Stand up comedy” su Sky – Comedy Central, poi di “Battute?” su Raidue e ancora Sky per “Zelig C Lab” e “Il Salotto con Michela Giraud”.

Nonostante la deriva come comico era partito bene frequentando le scuole di teatro serie (Stabile di Genova e Galante Garrone di Bologna) ma Peter Stein non si è mai accorto di lui. Ci riprova ora con il suo secondo spettacolo di stand-up: “Male Male”.

"Il Male che appartiene a ognuno di noi è sempre doppio, è un Male Male”, diceva un antico filosofo. In verità no, nessun filosofo l’ha mai detto, ma mi serviva per dare credibilità al titolo. "Male Male” è lo sfogo di un trentenne non troppo entusiasta della vita, per lo meno della sua. Lo spettacolo parla di: sesso, povertà, sesso, suicidio, sesso, omosessualità, sesso, lavoro, sesso. Non c’è così tanto sesso nello spettacolo ma chi ne capisce di marketing mi ha consigliato di scriverlo più volte perché attira di più l’attenzione del pubblico che venendolo a vedere poi dice: “No va beh, troppo vero! Anche io! Successo pure a me! Incredibile, identico, no va beh!” e ride. Attenzione: se vedendolo direte più di quattro volte: “No va beh, troppo vero! Anche io! Successo pure a me, incredibile, identico, no va beh!” significa che anche la vostra vita sta andando male-male.

gattano.png